16.10.08

Foto(montaggio) del mese

































Ho sentito il dovere di pubblicare la caustica copertina dell'ultimo numero dell' Internazionale.
Lady Liberty è diventata Lord Socialism.
La fiaccola che indicava la speranza agli immigrati della nuova frontiera è ora l' altrettanto storica
effige del comunismo, mentre la data di indipendenza americana è stata sostituita da "Das Kapital", quasi a indicare un nuovo improbabile credo per il popolo americano.
Non più libertà (fiaccola) e indipendenza (libro), ma comunità e regole.

A dir poco irriverente, ma vale più di mille parole. Le cose stanno cambiando.
Times are changing, buddies!
Per fortuna in tutto ciò c'è un lato positivo: la crisi e i provvedimenti spianano la strada a Obama e all'innovazione di cui tutto il mondo ha bisogno.
Ma non per il motivo che si potrebbe immaginare, -quello che dicono i giornalisti italiani- ossia che Obama è più ferrato in economia di "
McSame".
La ragione è un'altra: fino a ieri i detrattori di Obama hanno insistito sul fatto che questi avrebbe infilato lo stato dappertutto, pesando sui cittadini. Crediateci o no, ma il democratico veniva additato come socialista e, talvolta, addirittura comunista.
Ora che Bush ha disposto l'intervento statale nella crisi finanziaria, i repubblicani hanno perso l'ultima arma spuntata rimastagli e non sono più minimamente credibili.

GObama!

Nessun commento:

Posta un commento