10.5.10

Il futuro è a Vedelago

Amici veneti e italiani, studenti e giornalisti, mammine e dottori, guardate questo video. Perdete un quarto d’ora del vostro preziosissimo tempo, imparerete qualcosa e acquisterete consapevolezza: la raccolta e il ciclo (ri)produttivo dei rifiuti di Vedelago, Treviso, a costo zero per tutti!



La prossima volta che il vostro amministratore (sia verde, blu, nero o rosso) pronuncia la parola “inceneritore” si accenderà una lampadina. Saprete che organizzazione, salute, risparmio, occupazione e raziocinio vengono sostituiti da una sola cosa: appalti.

A monte c’è il menefreghismo, certo. Sia da parte delle istituzioni, sia dei cittadini. Ma come spiega bene la signora Poli, “ la raccolta e gestione dei rifiuti è competenza del pubblico”, “alle aziende conviene differenziare  perché risparmiano” e “si comincia dalle scuole perché i bambini e i ragazzi devono imparare il valore dei loro scarti”. L'organizzazione del territorio è fondamentale per mettere in moto un ciclo virtuoso che coinvolge aziende e ricerca.

La “metafora” dei sacchi è esemplare. I sacchi dell’immondizia devono essere trasparenti, non neri. Se butto i rifiuti in un sacco nero, li nascondo. Invece, bisogna poter vedere dentro, per responsabilizzare. E se la raccolta differenziata è fatta male, il netturbino sarà il primo a dirvi che “così non va”.

Quindi, alla prossima emergenza rifiuti, ovunque sia, al prossimo cosiddetto “termovalorizzatore”, alla prossima nuova discarica o ampliamento, sappiate che siamo solo noi da incolpare due volte: perché ce ne freghiamo tutti i giorni e perché votiamo persone che non amministrano bene o affatto.

Il futuro è a Vedelago.

(ah, non fate caso al faccione di quel giullare nell’angolo in alto a destra. Si sa: sa solo insultare e dire parolacce..oltre a dare informazioni).

Nessun commento:

Posta un commento