13.6.10

La Chiesa dei pedofili

Siete Cristiani? Sì? Cattolici?
Se siete cattolici nel XXI secolo, al 90% siete dei pessimi fedeli e finirete all’inferno. Non bastasse dovreste sentirvi offesi.

La Chiesa Cattolica, mi duole dirlo, è un’incubatrice perfetta per deviazioni sessuali e la pedofilia. Storicamente. Dalla sua fondazione. (il primo documento che “comandava” di “non sedurre giovani ragazzi”, il Didache, risale al 60 d.C., più antico del Nuovo Testamento).
Essenzialmente per due motivi. Non è così difficile arrivarci: il primo è il voto di castità, che costringe i preti a vivere da persone menomate affettivamente e psicologicamente; negare la sessualità a un essere umano non crea scompensi? Alcuni si getteranno sul cibo o sul vino, altri..
Il secondo motivo è la certezza dell’omertà e del riparo offerto dai “Santi Uffici”. La devianza è servita! Sia dall’interno, con un voto “sovrumano” (disumano?), che dall’esterno, tentando chi è già malato a camuffarsi da agnello al riparo dai fucili.
Di conseguenza, ecco spiegato perché la Chiesa Cattolica non condanna i preti pedofili. E non intendo a parole, intendo consegnando perlomeno quelli accusati nelle mani della giustizia terrena. Sarebbe facile, no? In America, in Irlanda, in Germania…l’opinione pubblica sta facendo a pezzi la Chiesa Cattolica, che subisce un enorme danno di immagine. Basterebbe la scomunica, l’espulsione delle mele marce per salvare la faccia. Invece no, perché?
Proprio perché è un male radicato e insito nella stessa concezione della Chiesa sin dal suo concepimento, duemila anni fa. E allora ecco che se ne abbandoni uno metti a rischio tutti gli altri. Si crea il precedente. E se il vizietto è così diffuso come pare, è un rischio che non si può correre. Ma la gente non capisce, non si da ragione di questa immunità celeste.
Nel resto del mondo, ovvio. Qui invece siamo così rassegnati e assuefatti dalla viltà umana da non farci troppi problemi. Anzi, ricordo i fedeli della parrocchia nel napoletano che difesero il don filmato dalle iene a molestare giovani fedeli: “un sant’uomo e una brava persona”. (il prete è poi stato semplicemente trasferito, ma è la reazione della gente la cosa più sconvolgente).

Non vi sentite offesi? Vi sentite offesi ma non sapreste come reagire? Intanto,  per le persone laiche o buddhiste che sono state battezzate ancora in fasce, il consiglio è di sbattezzarvi*. Se l’unica Fede che conoscete è la vostra amica e non volete essere complici di queste violenze e ingiustizie, dato che l’unica forma di dati censiti sul numero di fedeli sono i registri dei battezzati, sbattezzatevi e per la Chiesa sarete come morti. E “cento morti sono una tragedia, un milione sono una statistica.” Una statistica bruciante, il modo migliore per far sentire la propria indignazione.

Se invece l’offesa ancora non è sufficiente a far vacillare la vostra fede, aggiungeteci che lo stesso papa Benedetto XVI nel 2001, ancora cardinale Ratzinger, sostenne che le accuse di abusi dovessero essere “affrontate con il massimo livello di segretezza”, il Segreto Pontificio. Dall’alto della sua carica di Capo dei Santi Uffici, il futuro “Santo Padre” sapeva, ha intimato il silenzio e la cosa gli è valsa la nomina a Infallibile.

Se ancora non basta, rilancio con lo IOR, l’Istituto Opere Religiose, (la banca della Chiesa), con tutte le belle cose che ha fatto e ancora fa. Come fornire soldi alla mafia. Nemmeno questo smuove l’opinione pubblica qui in Italia, ma dopotutto, a pensarci, l’omertà sulla pedofilia non è diversa da quella della ‘ndrangheta.

Non vi è venuta voglia di convertirvi? Anche i valdesi e i protestanti fanno un sacco di bene e hanno il paradiso, mi dicono…se proprio avete paura di finire all’inferno. Insieme ai suicidi, i gay, le abortiste…e ai preti pedofili, ovvio…



Allego questo video inglese che ho adattato in italiano, che riassume la storia della pedofilia all’interno della Chiesa.
*A questo indirizzo le istruzioni e il modulo per sbattezzarsi.



Nessun commento:

Posta un commento