12.2.11

La sveglia di Grillo all'Italia bunga bunga

Pubblico il testo corretto dell'intervista-discorso di Beppe Grillo ad Anno Zero.






Beppe Grillo – L’altro giorno, al raduno dell’Italia Nuova a Milano, in prima fila c’erano quelli che l’hanno devastata fino al giorno prima. De Benedetti era lì, cittadino svizzero che ha devastato la più straordinaria azienda che avevamo…
Annozero – Parla dell’evento con Saviano?
Beppe Grillo – Sì, e c’erano questi a sentire, con le espressioni di quelli che vogliono riformare il Paese.
Annozero – Però era pieno di gente, quello che è segnale è? Come lo interpreta?
Beppe Grillo – Ma è un segnale che usano certe persone come Saviano per riportare i giovani a credere in una sinistra che non c’è mai stata, perché quando vai nei Consigli Comunali o Regionali ti rendi conto che quando vogliono fare una tangenziale, un’autostrada, una centrale nucleare o privatizzare l’acqua sono d’accordo tutti e due.
Annozero – Cioè lei dice che è un bluff?
Beppe Grillo – Assolutamente, non c’è mai stata una sinistra, devono andare a casa tutti, stanno lì da 35 anni. Nessuno gli ha dato un mandato eterno, devono andarsene. E vivono perché prendono un miliardo - un miliardo!– di Euro come rimborsi elettorali. Togli i soldi e la politica diventa meravigliosa, altrimenti i soldi sono la politica. E la politica diventa i soldi! È semplice, li mandiamo a casa tutti, non abbiamo bisogno di essere rappresentati da questi cialtroni dilettanti, dilettanti allo sbaraglio. Non riescono neanche a capire cos’è un inceneritore, cos’è una raccolta differenziata o cos’è una pista ciclabile. Non sanno assolutamente nulla, si affidano a esperti messi lì, pagano parcelle a gente incredibile, fanno grattacieli con questi architetti malati di mente che disegnano i grattacieli tutti storti, passando alla storia, e intanto indebitano la città.
Annozero – Perché le persone li rivotano?
Beppe Grillo – Ma chi rivota?! Ecco, la smettete di pensare che noi abbiamo votato questa gente qua?! Noi non abbiamo votato nessuno, questi parlamentari sono stati nominati da cinque segretari di partito, noi abbiamo votato delle coalizioni che non esistono, che non esistevano. Quando Berlusconi ha preso il 30% dentro c’era An con il 12%, quindi Berlusconi ha preso il 18%. Il 18% del 67% che è andato a votare è l’11%. L’ 11%, quindi 4 milioni di persone: un partitino del cazzo, un piccolo partitino. È un perdente quest’uomo, è un vecchio senza prostata, senza capelli che ha perso politicamente: 4 milioni di persone con dieci televisioni, cento giornali, miliardario e senza opposizione… è un fallito, è il passato. Ma contro quelli chi ci metti? Chi ci metti contro? Casini, quello che ha detto che Cuffaro, prendendo sette anni e consegnandosi senza rimostranze, ha dato un segno straordinario di civiltà
Annozero – Bersani?
Beppe Grillo  Bersani, che vuole privatizzare l’acqua -perché fa finta di no ma la vuol dare a Veolia-. Bersani, che quando era ministro dell’industria e i dottori dell’Emilia Romagna dicevano “Guarda che gli inceneritori fanno morire di cancro i bambini”, ha scritto in una lettera all’allora Ministro della Salute di prendere provvedimenti contro i dottori. Questa gente qua!
Annozero – Vendola?
Beppe Grillo  Vendola che cosa ha fatto? Vendola voleva ripubblicizzare l’acquedotto più grande d’Europa, quello barese, ed è rimasto una Spa; voleva essere un ecologista, “ecologia e libertà”, e dà cinque inceneritori alla Marcegaglia. 140 milioni di soldi pubblici dati a Don Verzè, un ospedale privato…
Fini è rimasto in coma farmacologico per 16 anni, gli è passato davanti tutto. Tutto, dallo scudo fiscale, alla legge elettorale porcata: qualsiasi cosa.
Annozero – Bossi? Calderoli? Tremonti?
Beppe Grillo – “…con il tricolore mi ci pulisco il culo”. Io ho provato a leggermi la legge sul federalismo, sono arrivato alla dodicesima pagina insieme a due esperti. Poi uno ha preso degli ansiolitici e non ce l’ha più fatta. Non si capisce, te lo giuro! Non si riesce a capire, una legge che dovrebbe coinvolgere 60 milioni di persone che non si capisce Quando una legge non si capisce non è una legge, è vuota. E’ una scatola vuota.
E fanno questo federalismo perché i Comuni, da 45 miliardi dell’anno scorso, oggi sono a 76 miliardi di debito e se vai a vedere, i maggiori comuni indebitati sono quelli del nord. La Lega all’inizio non era così, era sul territorio, erano tosti. Adesso hanno fatto compromessi, hanno salvato Roma, hanno salvato Catania, hanno permesso nella loro terra –“padroni in casa nostra”- di fare basi militari. Va sott'acqua Vicenza anche per la responsabilità della base che hanno allargato con i piloni, chissà che casino hanno fatto lì sotto…
Noi abbiamo una lista civica, il MoVimento 5 Stelle. Siamo candidati, faremo 200-300 liste. Sono ragazzi, cittadini incensurati, senza essere iscritti a partiti, che vogliono entrare nei Comuni. A Milano ci sarà, ci saranno a Bologna, Napoli, Torino ed entrano per vedere di riassestare questa malattia mentale del debito. Fai un referendum, lo mettono in un cassetto. Vai contro il nucleare, vogliono fare cinque centrali. Vai a filmare il tuo Comune con una web-cam, ti mandano i poliziotti perché c’è la privacy.
I cittadini sono espulsi, ecco perché nascono i MoVimenti 5 Stelle di cittadini. Il portavoce della lista di Milano ha venti anni, è uno studente di scienze politiche. Hanno detto che è troppo giovane e non ha esperienza. Lo raffronti a chi? Alemanno che ha messo cani e porci dentro alla giunta? Alla Iervolino, con la camorra e i rifiuti in tutto il Comune? A chi si dovrebbe rapportare? A Chiamparino che ha a Torino ha fatto il più alto debito della storia?
Sanno tutti le misure della Minetti, 100-60-90, ma la Bicamerale, il federalismo… non sanno nulla! La Costituzione non la sanno neanche i parlamentari. Il nano, quello lì, è andato in televisione a dire “
Ho letto su Gogol”… hanno 75 anni! Ma come abbiamo fatto? A casa immediatamente tutti, liste civiche! Chi è che va in televisione a dire “Signori siamo un Paese fallito”? Bisogna che qualcuno ve lo dica, siamo a quasi 1.900 miliardi di Euro di debito, paghiamo cento miliardi di Euro di interessi all’anno, 30 aziende al giorno chiedono istanza di fallimento, sono 12 mila all’anno.
Viene questo Marchionne e dice “partiamo”, “la produzione”, “la Chrysler”… ma andate a leggervi il contratto tra Chrysler e Fiat. Usare un miliardo di Euro per rifare le macchine… bisogna essere scemi, perché è dieci anni che la Fiat non investe nelle automobili, le automobili sono finite come mezzo di trasporto.

Veltroni  parla mezz’ora ogni tre anni e combina un disastro, poi se ne va. Vuole tassare con la patrimoniale un terzo degli italiani, quelli che hanno sempre pagato le tasse, che non hanno portato i soldi in Svizzera con lo Scudo Fiscale e tutto. Io gliene do 50 mila: vuoi fare l’equazione di Tremonti debito pubblico/risparmio privato? Vuoi risanare con il mio risparmio? Te li do, 50 mila. Ma sull’altro piatto mi devi mettere qualcosa, sennò i miei 50 mila vanno nel calderone del debito! Ci devi mettere allora la riduzione dei parlamentari, due legislature e vanno a casa con effetto retroattivo; togli i doppi stipendi e fai una equiparazione agli stipendi di lavori esterni; togli le province, che costano 14 miliardi all’anno; accorpi i comuni sotto i 5 mila abitanti; fai una legge che prevede il referendum dal basso senza quorum per i cittadini; imponi la copertura finanziaria per qualsiasi cazzata pensano i sindaci. Mi metti sul piatto tutto questo e domattina ti do 50 mila Euro. Ma non mettono nulla. Hai capito come fanno?
E allora, la gente non deve più fidarsi di un leader, mettere una croce e stare a guardare. Non potete più fare i guardoni della politica! Ognuno di noi si impegna per qualcosa. Impegnatevi per l’acqua, per le piste ciclabili, per la scuola… ognuno si deve impegnare. Possiamo farle, le cose!
Non hai bisogno di uno di 80 anni che ti rappresenti, non ne hai bisogno!
E poi facciamo le campagne sul puttaniere. Vogliamo mandare via il puttaniere per
 eccesso di puttane! È come mandare via Mussolini per eccesso di fascismo: è la sua natura! Avessimo avuto Presidente della Repubblica Pertini lo mandava via a calci nel culo, non con le mignotte, a calci nel culo.
Movimento 5 Stelle. Venite a vederlo, mi faccio un po’ di pubblicità perché non siamo mai sui media. Esiste, esiste! Non sono i “grillini”, sono gente con due palle così. Vogliamo ripensare il mondo, siamo in una rivoluzione, ma la dovete fare voi ragazzi. Voi! O fate una rivoluzione, o ve ne andate da questo Paese, non avete altro scampo! Grazie dell’ospitalità.

Beppe Grillo, 10/02/2011







Che altro aggiungere?



Cercate su "gogol" il Meetup della vostra città e il programma del Movimento Cinque Stelle.
Il M5S esiste, anche senza stare in tv tutti i giorni. 


(e non ascoltate chi grida all'antipolitica. Chi schernisce i "grillini". Grillo non è il leader di nessuno e non è un messia. E' unicamente un catalizzatore, un nostro megafono, e insieme, per moltissimi, la scintilla che ha infiammato le coscienze.)


Loro non si arrenderanno mai, noi neppure.


R

Nessun commento:

Posta un commento