31.1.12

IWI: Internet War I



Infine, è esplosa in tutto il mondo la guerra informatica. Il “casus belli” è stato forse il “caso Wikileaks”, con l’arresto di Julian Assange, l’anno scorso. Poi il blocco dei siti di torrent Piratebay e Btjunkie. Quindi le proposte di legge SOPA e PIPA, per ora accantonate, per limitare gli abusi della rete.
Infine, questa settimana, è stato oscurato Megavideo e milioni di utenti si sono trovati davanti questa immagine con la scritta “seized”, sequestrato, e i loghi di FBI, Dipartimento di Giustizia americano e IPR, una sorta di SIAE d’oltreoceano.

Piccolo particolare, assieme a Megavideo (e con l’arresto del suo eccentrico fondatore) è stato anche oscurato il servizio parallelo di web-storage Megaupload. Migliaia di regolari abbonati si vedono precludere un servizio pagato e legittimo con la scusa della tutela del diritto d’autore. La realtà che si evince è invece che i diritti dei grandi (le major) calpestano i diritti dei piccoli (gli utenti).
Signori e signore, siamo in guerra. E la resistenza passa dal gruppo di hacker internazionale “Anonymous”, che ha restituito pan per focaccia alle autorità americane, oscurando vari siti istituzionali e pro SOPA e PIPA.

La strategia di contrattacco passa dagli internauti, con il sistema DDoS (Distributed Denial of Service): si tratta in soldoni di “sovraccaricare” di traffico il sito bersaglio, distribuendo l’attacco su migliaia di computer (consapevoli o meno), che costituiscono una “botnet” e “bombardano” il sito in questione di richieste di accesso fino al collasso.
A quel punto, per gli hacker è un gioco da ragazzi sostituire l’homepage del bersaglio con il proprio logo, esattamente come fatto dall’FBI con Megavideo.

C’erano una volta il regime e la guerriglia...
Questa è la Prima Guerra di Internet. Ed è appena iniziata.
Il Canada sta discutendo in questi giorni una propria legge sulla falsa riga di quelle USA, la C-11 (le serie tv che finiscono in rete provengono quasi tutte dalla tv canadese). Si apre un nuovo fronte.
Serrare le fila!

Nessun commento:

Posta un commento