22.3.12

I buchi neri d'Europa: Ossezia e Abcasia


Ricordate la guerra del 2008 in Ossezia del Sud? Guerra lampo.
Era agosto, tempo di vacanze. Nemmeno il tempo di tornare a casa ed era già finita.
Nove giorni, seimila morti, un terzo dei quali civili.
Come risultato, la Russia ha riconosciuto unilateralmente i territori dell’Ossezia del Sud e dell’Abcasia e li ha “liberati” schierando il proprio esercito all’interno dei confini della Repubblica della Georgia.
Da allora, Ossezia e Abcasia sono quindi indipendenti de facto, praticamente dei protettorati russi.

Il Caucaso è un lembo di terra molto delicato: guerre etniche millenarie sono state messe a tacere dal regime sovietico. Dal 1991 l’odio sopito è riesploso, tra russi, georgiani, ceceni, ingusci, osseti…  
La strage di Beslan del 2004 resta l’episodio più drammatico: un assalto terroristico ad una scuola ad opera di una combine di separatisti ceceni e terroristi islamici terminato con l’uccisione di 300 ostaggi, 186 dei quali bambini, nel blitz della polizia russa.
I russi, si sa, non ci vanno leggeri con i terroristi. Già nel 2002, a Mosca, quando un gruppo di terroristi ceceni sequestrò 850 persone nel Teatro Dubrovka, “le forze speciali russe OSNAZ pomparono un misterioso agente chimico all'interno del sistema di ventilazione dell'edificio” ammazzando anche in quel caso tutti i terroristi, ma anche 200 ostaggi.



I percorsi degli oleodotti e gasdotti 
Non bastassero i conflitti etnici, per il Caucaso, e la Georgia in particolare, passano oleodotti e gasdotti che dal Mar Caspio attraversano la Turchia e riforniscono l’Europa.

Già, l’Europa. Gli stati membri dell'Unione Europea nella guerra di Tbilisi si sono mossi in ordine sparso. Il Trattato di Lisbona, che ha istituito la figura di Alto Rappresentante per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza, responsabile per simili

scenari di conflitto, sarebbe entrato in vigore solo quattro mesi dopo.
La realtà è che, di fronte alla prepotenza Russa, c’è ben poco che noi Europei possiamo fare, ancora oggi. Sia singolarmente che uniti.
E’ però importante sottolineare il rapporto di stretta cooperazione tra Georgia e UE, che rende ancor più grave l’intervento militare russo: un percorso che ha come traguardo finale l’ingresso della Georgia nell’Unione, in una prospettiva di allargamento a Sud est, insieme a Turchia e Armenia.
La secessione di Abcazia e Ossezia, garantita dalle forze armate russe, complica le cose.

La legge georgiana del 2008 che regola i rapporti con le due repubbliche separatiste, firmata dal Presidente Saakashvili, stabilisce che “la Federazione Russa, lo stato che ha attuato l’occupazione militare, è pienamente responsabile della violazione dei diritti umani in Abcasia e Ossezia del Sud ed è inoltre responsabile di danni morali e materiali ai cittadini georgiani e stranieri legalmente presenti in territorio georgiano”. Questo documento, che riconosce inoltre “le amministrazioni e le autorità che operano nei territori occupati come illegali” resterà la posizione ufficiale della Georgia, sostenuta dall’Unione Europea e dall’Onu fino alla “piena restaurazione” della giurisdizione georgiana nelle regioni ribelli.

Suona tanto come una piccola guerra fredda.

(fonte: en.wikipedia.org)

Nessun commento:

Posta un commento